Esiste una connessione tra le malattie e le emozioni. Le emozioni non sorgono dal nulla, bensì sono relazionate con il nostro modo di interpretare quello che ci succede; queste reazioni possono dare luogo a sintomi fisiologici. Così come le malattie fisiche influiscono sul nostro stato d’animo e ci provocano timore, paura o preoccupazione, molti problemi psicologici si riflettono sul nostro corpo.

Quando la relazione mente-corpo vede alterata la sua armonia a causa di emozioni spiacevoli, sentimenti negativi, scarsa autostima e situazioni stressanti, si presentano le malattie psicosomatiche. Quest’ultime sono considerate disturbi fisici la cui comparsa e il cui decorso possono essere relazionati con fattori psicologici. Parlando di sintomi psicosomatici, ci riferiamo ai disturbi fisici per i quali non è possibile realizzare una diagnosi medica.

“TUTTE LE NOSTRE EMOZIONI SI ISCRIVONO A LIVELLO CORPOREO”

-BORIS CYRULNIK-

Proiezione delle emozioni sul corpo

Esistono diverse modalità di manifestazione per quanto riguarda i disturbi o le alterazioni fisiche correlate con fattori di natura psicologica:

  • Digestive: colon irritabile o sindrome dell’intestino irritabile. Sono vincolate all’ira, alla rabbia e all’aggressività.
  • Cardiache e del sistema cardiovascolare: relazionate con l’euforia, l’isteria, l’eccitamento, l’ipersensibilità ed il nervosismo.
  • Respiratorie: quando si è affetti da depressione, dinanzi al fattore sorpresa si resta senza fiato, l’emozione si soffoca e l’angoscia aumenta.
  • Endocrine: il funzionamento delle ghiandole endocrine viene alterato da squilibri emotivi come l’ansia, il dubbio, lo scetticismo e la gelosia.
  • Genitourinarie: vincolate alla paura, alla mancanza di autostima, alla timidezza e alla disperazione.
  • Dermatologiche o cutanee: sono relazionate con le difficoltà di comunicazione quando si vuole imporre la propria parola, l’eccesso di autorità ed il controllo sugli altri.

“LA QUESTIONE NON È QUALE MALATTIA HA UNA PERSONA, MA CHI È LA PERSONA CHE HA LA MALATTIA”

-WILLIAM OSLER-

Il nostro corpo grida quando le emozioni non parlano

Uno stesso disturbo può avere diverse manifestazioni fisiche in base allo stato d’animo con cui si affronta. È dimostrato che in presenza di malattie come il cancro o la fibromialgia imparare a gestire le emozioni e trovare un certo equilibrio emotivo aiuta il recupero del paziente.

Quando le emozioni non si esprimono, si produce un deficit nella mentalizzazione delle emozioni, le sensazioni corporee appaiono scarse o per nulla associate agli stati mentali.

Un concetto molto importante relazionato con l’incapacità di esprimere le emozioni è l’alessitimia.

Per proseguire la lettura e andare all’articolo originale:

Quando il cuore non piange, lo fa il corpo