Viale Montegrappa 22, Grottammare / Corso Umberto I, n. 18, Civitanova Marche

Come diminuire la fiducia in se stessi?

L’autostima è uno dei fattori più importanti della psicologia umana: è l’ insieme dei giudizi valutativi che l’individuo dà di se stesso. Essa può essere costruita giorno dopo giorno attraverso strategie cognitive. Fondamentalmente l’’autostima è il processo personale e duraturo che porta la persona a valutare e apprezzare se stessa tramite l’auto-approvazione del proprio valore personale.

 

COME DISTRUGGERSI L’AUTOSTIMA?

Innanzitutto perchè distruggerla?

Non c’è motivo, si tratta invece di una scusa, di un intervento paradossale, per parlare di certi comportamenti sbagliati e comuni  che finiscono effettivamente per minarne le basi; una sorta di consulenza psicologica per diventare degli esseri carenti di autostima, per vivere una vita all’insegna dell’infelicità.

Già naturalmente noi uomini siamo facilmente infelici. Il nostro scopo, le nostre energie psichiche dovremmo utilizzarle, invece, per combattere la mancanza di autostima e, quindi, migliorare il nostro modo di vivere, durante l’arco di tempo, più o meno lungo, che intercorre tra la nascita e la morte. Qui, invece, si vogliono fornire delle indicazioni, dei precetti da seguire per diventare bravi conseguitori di disistima.

Come facciamo a diventare giorno dopo giorno avversari di noi stessi?

Ci sono molti modi con cui ognuno di noi può rendersi carente di valore personale.

Ci sono delle regole, perché senza regole non si va da nessuna parte. E’ importante applicarsi correttamente e costantemente!

Prima regola: Quando fai qualcosa in cui credi devi ripeterti alcune frasi d’oro: non serve a niente! non funzionerà! è inutile! non cela farò mai! Le persone con autostima tendono a credere in ciò che fanno e si incoraggiano! Sanno che lo stato d’animo è parte del risultato! non commettere il loro sbaglio.

Seconda regola: Quando collabori con qualcuno ricordati sempre che la sua collaborazione ti mette in ombra, che è un nemico, che se gli lasci spazi lui ti costringerà a farti da parte. In altre parole devi competere, immediatamente, con quella persona! Chi ha autostima sa che la collaborazione sia un valore!

Terza regola: Arrabbiati! Alza la voce, accusa gli altri. E’ importante dare l’impressione di sentirsi minacciati per perdere la stima e la fiducia altrui e per creare conflitti!

Quarta regola: Ogni sera, prima di andare a letto, elenca almeno tre cose che hai sbagliato e che hai fatto male. Questo ti demoralizzerà perché il tuo inconscio passerà la notte con queste autocritiche! Concentratevi quanto più potete sui vostri errori e sugli aspetti negativi di ciò che fate. Sforzatevi di pensare a questi più volte al giorno

Quinta regola: Evita di guardare in faccia gli altri, cerca di dare l’impressione di essere insicuro!

Sesta regola: La mattina pensa a quante cose devi fare, tutte insieme, senza metterle in fila. In tal modo sentirai una certa sensazione di disagio, che se la intensifichi adeguatamente potrebbe renderti persino ansioso!

Settima regola: Evitate di assumervi le responsabilità e piccoli rischi quotidiani, non mettendovi in gioco a lavoro, nelle esperienze delle vita, lasciando che siano sempre gli altri a fare al posto vostro.

Ottava regola:  quando parlate con qualcuno, sforzatevi di essere chi non siete o meglio cercate di essere ciò che gli altri si aspettano da voi. Create false aspettative, difficili da sostenere e portare avanti.

 

Autore © Dott. Marco Forti.

Psicologo, Psicoterapeuta & Sessuologo Clinico

L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy e Copyright.

 

 

Leave a Comment

(0 Commenti)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close